martedì 29 dicembre 2009

Walls Of Jericho – The American Dream (2008)

Avevo sempre sottovalutato questo disco per l'eccessiva pesantezza della voce della cantante che è totalmente indistinguibile da una qualsiasi voce di un cantante hardcore uomo;riascoltandolo bene invece,una volta superato il trauma della voce, quello che si scopre è un cd innovativo.
Il sound è sempre il loro. a cavallo tra hardcore e metal,ma questa volta caratterizzato da un clima tetro e oscuro costante che accompagna tutto il disco.
Come da consuetudine anche questo disco ha una ballata rock come ultima traccia....davvero cullante!

O_o

lunedì 21 dicembre 2009

Carpathian - Isolation (2008)


Il titolo dice già tutto: "Isolation" è un disco che emana un senso di disperazione, malinconia e solitudine, e il quintetto australiano ne fa lo sfondo per il suo hardcore dai tempi dilatati e dagli arrangiamenti semplici ma davvero ben riusciti. Le sonorità che i Carpathian qui ci propongono sono abbastanza particolari e segnano una netta frattura con i loro precedenti lavori, sintomo di un intento a ricercare una maggiore personalizzazione sonora. Ciò potrebbe però lasciare un po' delusi al primo approccio con questo disco, che sicuramente merita più di un ascolto per essere apprezzato in pieno. Per di più la registrazione un po' "ovattata" può sembrare non delle migliori, ma a mio parere costituisce un'ulteriore caratteristica che fa di "Isolation" un lavoro sempre più particolare.

O_o

sabato 19 dicembre 2009

Rot In Hell - Hallways Of The Always (2009)

Ecco un altra perla proveniente dal Regno Unito.
Sporchi,beceri,trashoni quanto basta e sopratutto usciti sotto dathwish records, questa band è l'ideale per far passare questo cazzo di clima di amore pace ed amicizia dovuto dalle vacanze natalizie.
Sicuramente nulla di nuovo o di estremamente ricercato, ma allo stesso tempo davvero sorprendente!

O_o

giovedì 17 dicembre 2009

Raised Fist - Veil of Ignorance (2009)

"Veil of Ignorance" è il quinto full length pubblicato dai Raised Fist, band svedese attiva sin dal 1993. A tre anni di distanza da "Sound of the Republic", il quintetto torna con un disco che ripercorre le linee sonore già intraprese nel precedente lavoro: voce tagliente ed arrangiamenti strumentali semplici ma diretti, con un po' di melodia di sottofondo che ormai è parte integrante dello stile musicale di questa band. Il loro è il solito hardcore mescolato a sonorità tipiche della scena metal svedese e non porta con sè niente di nuovo, ma risulta comunque piacevole all'ascolto. "Veil of Ignorance" non è quindi il disco giusto per approcciarsi ai Raised Fist per la prima volta, ma se già li conoscevate merita di certo la vostra attenzione.

O_o

mercoledì 16 dicembre 2009

Supermachiner - Rust (2009)

Questo disco, signori miei, è una delle più alte vette che l'uomo abbia mai toccato in ambito musicale e con più precisone nella scena Post-Rock / Ambient / Experimental.
Tanto per,come si dice in gergo, "dare dei numeri"; la band è stata fondata da Jacob Bannon con suo fratello Seth e alla chitarra milita niente popò di meno che il compagno di mille avventure Kurt Ballou.
Questo doppio cd racchiude l'essenza del noise rock con influenze che spaziano dall'elettronica alla musica tribale sino ad arrivare a suoni o per meglio dire rumori che riportano la mente a "2001 Odissea nello Spazio".
Uno dei modi migliori con cui investire un'ora e mezzo del vostro tempo!
P.s=chiedo scusa per i link rapidshare ma non si trovava altrimenti...vi assicuro però che "Parigi val bene una messa!"

O_o Cd1
O_o Cd2

lunedì 14 dicembre 2009

Blacklisted - No One Deserves to be Here More Than Me (2009)


Come promesso ecco a voi l'ultimo lavoro sfornato dal quintetto di Philadelphia. Se pensavate di conoscere i Blacklisted, bene scordate tutto quello che avete imparato fino ad ora su di loro perchè questo "No One Deserves to be Here More Than Me" è qualcosa di veramente diverso da ciò a cui la band ci ha abituato nei dischi precedenti. Forse molti potrebbero rimanere delusi dalle sonorità particolari e distorte, sicuramente non prettamente hardcore, qui proposte dai Blacklisted. A mio parere questo full length, per quanto risulti "strano" al primo ascolto, abituati poi alla potenza e volocità tipiche di questo gruppo, è un lavoro interessante e che va riascoltato più volte per essere apprezzato in pieno. Il cambiamento c'è stato e come, magari con "No One Deserves to be Here More Than Me" i Blacklisted hanno voluto fare un esperimento che potrà concretizzarsi maggiormente nel loro prossimo disco, chi può dirlo...intanto ascoltiamoci questo lavoro apprezzandone lo sforzo nel ricercare sonorità più peculiari e caratterizzanti.

O_o

venerdì 4 dicembre 2009

Lighthouse - Abyssus Abyssum Invocat (2009)

Premettendo che questo disco è davvero una bomba,sia al livello di qualità di registrazione che al livello di pezzi veri e propri,può essere annoverato tra i piccoli orgogli della scena italiana...infatti l'etichetta che li ha prodotti è la cagliaritana Anchors Aweigh (nota anche per aver scoperto e prodotto band del calibro di More Than Life, Dead Swans, Daggers e Tortuga) a mio parere considerabile "la Deathwish italiana" gestta da Andrè, il cnatante dei Gold Kids,altro baluardo della scena nostrana.
Tornando al disco....è favoloso!

O_o

mercoledì 2 dicembre 2009

Terror - One with the Underdogs (2004)

Sicuramente il miglior disco della band Losangelina,capace di catturare anche chi non è appassionato di questo tipo di hardcore, esce ad un anno di distanza dal loro cd di esorido "Lowest of the low", altro piccolo capolavoro.
Le chitarre aggressive e la voce imponente rendono le scelte a volte molto minimali della band davvero efficaci!


O_o

martedì 1 dicembre 2009

Casey Jones - The Messenger (2006)

Già abbiamo parlato di questa band proveniente dalla Florida, e della sua etca straight edge;questo è il loro secondo lavoro che sicuramente merita attenzione!
Si sente molto la loro crescita al livello musicale denotata da una maggiore ricerca di un suono "personale";quello che ne esce è un disco che si discosta dal precedente al livello musicale per approdare verso gli albori di quello che è stato poi il filone che ha raggiunto l'apice con dischi tipo "Aggression" dei Verse.
Davvero davvero bello!

O_o

The Vampirates - Cast Aside (2009)


I The Vampirates sono un quartetto proveniente da Adelaide, Australia, formatosi solo nel 2008. Se amate i Comeback Kid di "Turn It Around" e "Wake the Dead" non potrete non apprezzare "Cast Aside", un EP d'esordio che sicuramente non brillerà in originalità ma è di certo un buon lavoro. La somiglianza con i primi Comeback Kid (quelli con Scott Wade alla voce) è davvero sconvolgente ed essendo un loro fan anche i The Vampirates mi hanno inevitabilmente colpito. Nella speranza che comunque i quattro possano raggiungere una maggior personalità sonora, intanto ascoltiamoci questo "Cast Aside".

O_o